TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 18 gennaio 2017

EX GENIO CIVILE DI REGGIO CALABRIA: DALLA PADELLA ALLA BRACE

                                        Uffici dell'ex Genio Civile di Reggio Calabria 


Rimasto senza Dirigente e con la nuova piattaforma digitale (SISMI.CA) che è paragonabile alle sabbie mobili, non da scampo ai Professionisti e all’intero settore dell’edilizia.    

     “Si stava meglio quando si stava peggio”.
Con il pensionamento dell’Architetto Mario Panzera, Dirigente dell’Ufficio Tecnico Regionale per la provincia di Reggio Calabria, avvenuto il 13 gennaio c.a. e senza che sia stato incaricato nei tempi dovuti un nuovo Dirigente di Settore, per la copertura del posto vacante, si assiste in questo periodo a una situazione paradossalmente incoerente con le rigide norme sismiche a tutela dell’incolumità pubblica, che prevedono un iter burocratico già complesso di, per se, da assolvere presso gli Uffici Tecnici Regionali preposti alla vigilanza sismica, prima di iniziare qualsiasi intervento di natura edilizia: Nuova realizzazione; adeguamento sismico strutturale; ampliamento; sopraelevazione; interventi locali; ecc. ecc.
Il ritardo della Giunta Regionale della Calabria in merito alla nomina di un nuovo Dirigente di Settore per l’Ufficio Tecnico (ex Genio Civile) di Reggio Calabria ha di fatto congelato (e non per le avverse condizioni meteo di questo periodo) tutte le attività tecnico-amministrative di competenza dei Funzionari preposti alla definizione ed evasione delle pratiche inerenti i procedimenti autorizzativi ai fini sismici.
La tale cosa sta mettendo in grandi difficoltà tutto il settore edile nella provincia di Reggio Calabria e l’indotto a esso collegato. Le Imprese e tutti i Tecnici addetti ai lavori sono stati messi “ko” sia dall’evento di congedo per raggiunti limiti massimi di servizio dell’ex Dirigente Arch. Mario Panzera che, ha comportato di conseguenza una vacanza Dirigenziale, responsabile del totale blocco delle attività tecnico-amministrative del Settore Tecnico Regionale a tutela del vincolo sismico. Sia dalla nuova piattaforma digitale (SISMI.CA) che andrà a sostituire definitivamente nell’arco di sei mesi la vecchia, ma efficace piattaforma digitale SIERC.
La complessità di SISMI.CA e l’attuale vacanza di un Dirigente all’ex Genio Civile di Reggio Calabria hanno di fatto avviato un processo di crisi economica non trascurabile nel settore, ma soprattutto, induce la popolazione ha realizzare le opere edili abusivamente. Cosa molto grave se si pensa che la nella sola città di Reggio Calabria attualmente vi sono oltre 25 mila pratiche di condono edilizio non evase.
Farebbe bene il Governatore Mario Oliverio a risolvere rapidamente il problema, prima che si verifichi un’altra grossa falla istituzionale a danno sia dei cittadini, sia della costituenda Città Metropolitana.