TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 20 gennaio 2012

SCHETTINO EROE: LA SUA MANOVRA D'INVERSIONE DI MARCIA SALVA PIU' DI TREMILA PERSONE

  
   Quando si verificano incidenti del genere si contano i superstiti e non le vittime per le quali purtroppo non c'è più nulla da fare.
La lucidità e la tempestiva decisione del Comandante Schettino di invertire il senso di marcia con una virata di 180°, portando così la nave a riva, è stata determinante per mettere in salvo la maggior parte dei passeggeri della Concordia. Qualsiasi altra manovra avrebbe causato l'affondamento totale della nave e le vittime sarebbero state migliaia, ovvero, si sarebbero invertite le cifre: Tremila morti e una dozzina di superstiti.
Chissà se si fosse verificato l'affondamento a picco della nave, come avrebbe reagito l'opinione pubblica e quali sarebbero stati  i commenti. 
Le sentenze populistiche basate soltanto sulle apparenze, servono soltanto ad alimentare la speculazione mediatica. Non è compito ne del popolo ne tanto meno dei giornalisti o degli incompetenti mettere alla gogna il Comandante Schettino che, fino a prova contraria si può definire soltanto un Eroe e non un mascalzone.
Quando avvengono degli incidenti, prescindendo da chi ha la responsabilità oggettiva o giuridica del fatto, l'importante è sempre riuscire a limitare il numero delle vittime e su questo, mi sembra senza ombra di dubbio che il Comandante Schettino ci sia riuscito molto bene.
Invece di inveire ed accusare il Comandante di essere stato negligente per aver effettuato il c.d. inchino e di aver abbandonato la nave prima del termine di tutte le operazioni di salvataggio, bisognerebbe domandarsi: Cosa fa la Capitaneria per evitare eventuali incidenti alle navi che transitano rasenti la costa? Perchè gli organi di polizia e di vigilanza non sanzionano questo "antico rito" vietato dal Codice della Navigazione?
Adesso è facile additare e offendere gratuitamente chi si ritiene responsabile di tale sciagura, nel mentre fino a ieri ogni qualvolta una nave passeggeri si avvicinava alla costa era un avvenimento da non perdere e da immortalare come un bel ricordo. Piaceva molto ai passeggeri ammirare da vicino la costa e piaceva altrettanto agli abitanti del luogo ammirare la nave illuminata e scintillante che si "inchinava" verso la località marina, per il "tradizionale" saluto di rito.
La giustizia farà il suo corso e sicuramente Capitan Schettino verrà assolto da tutte le ingiuste accuse fino ad oggi mosse nei suoi confronti. Molto spesso in Italia gli Eroi vengono scambiati per delinquenti e viceversa!!